Salta al contenuto

AltraGraph Posts

I formati lossless

Ciò che un edi­tor fa mol­to bene non rie­sce a far­lo un altro e vice­ver­sa. Per inten­der­ci se dob­bia­mo ritoc­ca­re una foto uti­liz­zan­do stru­men­ti come il clo­na o far uso di pen­nel­li dovre­mo affi­dar­ci ad un pro­gram­ma di foto­ri­toc­co come GIMP. Se inve­ce desi­de­ria­mo ave­re il mas­si­mo con­trol­lo sui colo­ri, le ombre, i mez­zi­to­ni e le luci, come ela­bo­ra­re con la mas­si­ma effi­ca­cia foto­gra­fie RAW pro­ba­bil­men­te dovre­mo affi­dar­ci a Dark­ta­ble. Capi­ta spes­so quin­di che il risultato…

Darktable

Rima­nen­do sem­pre nel­l’am­bi­to del­la gra­fi­ca raster e in par­ti­co­la­re del­l’e­la­bo­ra­zio­ne foto­gra­fi­ca, for­ma­to raw com­pre­so ovvia­men­te, occor­re men­zio­na­re uno dei soft­ware di pun­ta del pano­ra­ma open sour­ce: Dark­ta­ble. Dal­la pri­ma ver­sio­ne (apri­le 2009) son pas­sa­ti ad oggi oltre die­ci anni e l’al­ter­na­ti­va a Lightroom per eccel­len­za ha rag­giun­to un livel­lo di svi­lup­po tale da ren­der­lo uno stru­men­to indi­spen­sa­bi­le per colo­ro che si occu­pa­no di post-pro­­du­­zio­­ne foto­gra­fi­ca. Le nume­ro­se ope­ra­zio­ni di edi­ting pre­sen­ti rie­sco­no a coprire…

GIMP

Il soft­ware open sour­ce negli ulti­mi anni ha fat­to enor­mi pas­si in avan­ti riu­scen­do a rap­pre­sen­ta­re una vali­dis­si­ma alter­na­ti­va a quel­lo pro­prie­ta­rio in sva­ria­ti cam­pi. Per quan­to con­cer­ne la gra­fi­ca raster (bit­map) e in par­ti­co­la­re il foto­ri­toc­co, uno in par­ti­co­la­re si è impo­sto tan­to da poter com­pe­te­re, sep­pur con le dovu­te limi­ta­zio­ni, con veri e pro­pri gigan­ti al pari di Pho­to­shop. Par­lia­mo di GIMP.  Vero must-have di chi ha scel­to di lavo­ra­re con l’o­pen source,…

Quali caratteri?

Se i carat­te­ri non sono tut­to, poco ci man­ca. Che si trat­ti di un sem­pli­ce docu­men­to, una rivi­sta, un flyer pro­mo­zio­na­le o l’in­ter­fac­cia gra­fi­ca di un sito web, la scel­ta dei fon­ts ed il loro abbi­na­men­to (pai­ring) sono fon­da­men­ta­li. Un argo­men­to com­ples­so, con una nutri­ta let­te­ra­tu­ra alle spal­le e nume­ro­se risor­se in rete che ren­do­no pra­ti­ca­men­te impos­si­bi­le sci­vo­la­re nel già det­to. Due chiac­chie­re a riguar­do, non impe­gna­ti­ve, si pos­so­no comun­que sem­pre fare. Intan­to ini­zia­mo chia­ren­do che: typeface:…

Ieri e oggi

C’è sta­to il tem­po del tem­po. Era faci­le dedi­car­ne fino addi­rit­tu­ra a per­der­ne nei più pic­co­li det­ta­gli, così imper­cet­ti­bi­li da esse­re desti­na­ti qua­si a sfug­gi­re.  Negli anni a segui­re sono cam­bia­te mol­te cose. Rea­liz­za­re un sito web per il clien­te medio oggi richie­de velo­ci­tà e cono­scen­ze da met­te­re sul mer­ca­to a bas­so costo.  Non par­lo di gran­di azien­de o com­mit­ten­ti par­ti­co­lar­men­te esi­gen­ti, mi rife­ri­sco alle richie­ste più comu­ni. Non è bel­lo da dir­si ma è così in mol­tis­si­mi casi.  Occorre…