Con uno smartphone oggi si può fare tanto. Quelli di fascia medio-elevata hanno fotocamere di buona qualità e in diversi casi possono sostituire le classiche macchine fotografiche. In più sono disponibili varie applicazioni che consentono di ritoccare le immagini in maniera rapida ed efficace. Questo rende gli smartphone dei dispositivi all-in-one per la fotografia utili soprattutto quando non si ha molto tempo a disposizione.
Fotografare con una reflex, acquisire ed elaborare le immagini con un software professionale sono le tre fasi di un processo molto complesso che richiede pazienza e soprattutto una discreta competenza.
Fotografare con uno smartphone ed applicare con questo alcune regolazioni di base all’immagine sono più alla portata di tutti. E con un po’ di esperienza si possono ottenere dei risultati anche molto buoni.
Di applicazioni (editors) per Android ce ne sono un numero elevato. Passarle in rassegna tutte sarebbe inutile. Di seguito le quattro che, personalmente, considero le migliori:

Aviary

Aviary Photo EditorDelle quattro è la più immediata. Gratuita e priva di pubblicità, Aviary consente le principali regolazioni di base (ritaglio, rotazione, luminosità, contrasto, nitidezza, saturazione, calore), alle quali si aggiungono altre utili funzioni e un set di effetti predefiniti. Gli effetti di base, scaricabili gratuitamente, sono di buona qualità. Non sono però regolabili. Poterne definire “l’opacità” li renderebbe, in alcuni casi, meno “distruttivi”. Altri effetti sono disponibili a pagamento. Ne ho acquistati alcuni e non sempre posso dire di esser rimasto pienamente soddisfatto. Nel complesso, per quanto riguarda ciò che è offerto gratuitamente, l’applicazione merita di esser citata nelle quattro preferite.
» Aviary per Android

Pixlr

pixlr-2013-07-24_16-15-19Autodesk è una garanzia. Pixlr (di cui esiste anche una versione web) consente di operare le più comuni regolazioni (ritaglio, rotazione, luminosità, contrasto, nitidezza, saturazione, vividezza) alle quali si aggiungono — anche in questo caso — diverse altre funzioni (sfocature, rimozione imperfezioni, correzione occhi rossi, ecc…). Il set di effetti preimpostati è molto ampio e, a differenza di Aviary, è possibile regolarne l’opacità (dissolvenza). Molti e ben fatti i bordi che si possono applicare all’immagine e numerosi gli elementi di sovrapposizione (interessanti i “leaks”). Non mancano ottimi fonts (caratteri) con i quali si possono aggiungere testi alla fotografia. Un applicazione di tutto rispetto che di certo non può mancare.
» Pixlr per Android

Snapseed

snapseed-2013-07-24_16-39-52Qui entriamo un po’ più nel complicato. Snapseed richiede maggiore attenzione rispetto alle precedenti ma consente di ottenere probabilmente i risultati migliori. La ritengo la “numero uno” in quanto abbastanza complessa (senza esagerare ovviamente) ed assolutamente efficace. Il consiglio, valido un po’ per tutte queste applicazioni, è di non esagerare con le regolazioni. Lo schermo dello smartphone può dare una percezione alterata dell’effetto finale ed una fotografia apparentemente fantastica, una volta pubblicata sul web, può presentare artefatti poco piacevoli. Di base uno smartphone con una buona fotocamera realizza già di per sé ottimi scatti. E’ quindi buona regola limitarsi ad un ritocco minimo.
» Snapseed per Android

Photo Editor

photo-editor-2013-07-24_17-02-09Lo definisco un “editor classico”. Dico subito che lo si deve avere per forza, senza se e senza ma. L’interfaccia è un po’ più rozza rispetto alle precedenti ed è presente un piccolo banner pubblicitario a fondo schermo. Al di là di questo, Photo Editor offre la possibilità di operare con curve e livelli oltre che con gamma, bilanciamento dei colori e tanto altro ancora. Ha la funzione di resize, che manca in tutti gli altri. Inoltre è possibile installare i propri fonts (caratteri) per aggiungere del testo sulle immagini. Si tratta di un editor veramente completo. Come il precedente richiede un minimo di apprendimento ulteriore rispetto ad applicazioni più immediate.
» Photo Editor per Android

Questi sono i quattro editor che ho scelto. Un cenno lo meritano Fotor e Befunky. Da Installare se c’è spazio sul telefono, ma non indispensabili.  Chiaramente questo articolo si riferisce agli editor e la distinzione tra i vari disponibili sul market non si basa sul numero e sulla qualità degli effetti preimpostati, bensì sulla possibilità di regolare manualmente l’immagine.